Minitrampolino

Il Minitrampolino elastico è un attrezzo propedeutico e facilitante, nato con lo scopo principale di dilatare il tempo e lo spazio in cui il movimento viene eseguito. Successivamente è diventato un attrezzo vero e prorio con circuiti di gare specifici e il riconoscimento di disciplina olimpica da parte del CIO a partire dall`ultima edizione Sidney 2000.
Il Minitrampolino favorisce l`apprendimento di alcuni movimenti che richiedono continue ripetizioni per l`assimilazione; evita i microtraumi alle articolazioni tibio-peroneo-astragaliche; facilita l`apprendimento sia delle rotazioni attorno ai vari assi del corpo, sia di quegli schemi motori che richiedono precisione e velocità.
E` adatto a entrambi i sessi e per tutte le età; favorisce lo sviluppo dei prerequisiti di base importanti per qualsiasi disciplina sportiva e fondamentali per la coordinazione motoria necessaria all`Acrobatica ed alla Ginnastica Artistica. Permette di lavorare su una vasta gamma di movimenti acrobatici, dai più semplici ai più complessi, combinandoli in sequenza.

Caratteristiche tecniche del Minitrampolino
È costituito da una superficie in nylon agganciata ad una struttura metallica, è posto a 50 cm circa da terra e consente di regolare l’inclinazione. Questo attrezzo consente delle fasi di volo prolungate, permettendo un migliore controllo del corpo. Facilita l’acquisizione del senso dello spazio e dell’orientamento.

La sua inclinazione, graduabile, permette di effettuare esercizi nella posizione “in salita” per i salti con spostamento in avanti; “in discesa” per i salti in avanti o in dietro per l’uscita dalla coubrette; “in orizzontale” per salti con spostamento in avanti o in dietro.

Anche il minitrampolino richiede una fase preparatoria per un’ottimale conoscenza ed utilizzo. Tale sensibilizzazione può essere effettuata facendo eseguire agli allievi dei salti in ognuna delle tre posizioni possibili, magari vicino ad un appoggio stabile per evitare perdite d’equilibrio.  Successivamente si passerà ad uno studio più tecnico del rimbalzo, ricercando l’allineamento dei segmenti corporei, e riuscendo a sfruttare, in sincronia, la spinta degli arti con la reazione meccanica dell’attrezzo. La fase di caricamento, infatti, dovrà coincidere con la deformazione dell’attrezzo, e bisognerà eseguirla sia da fermi che con partenza tramite rincorsa e presalto.


 

 

 


 

Trampette Minitrampolino F.I.S.A.C.
Federazione Italiana Sport Acrobatici e Coreografici


 

REFERENTE NAZIONALE UFFICIALI DI GARA :
Bianchi Cesare
cesare.bianchi@fisacgym.it

REFERENTE NAZIONALE:
Coordinamento Attività Tecniche :
Prof. Ciavolella Giampaolo
giampaolo.ciavolella@fisacgym.it

Cheerleading Teamgym Tumbling e Minitrampolino :
Prof. Ciavolella Giampaolo
giampaolo.ciavolella@fisacgym.it

 Organigramma FISAC